lunedì 3 febbraio 2014

Giancarlo Lotti (2)


Insisto:

le confessioni a puntate di Giancarlo Lotti sono centrali nel processo ai compagni di merende (l’unico che abbia portato ad una condanna definitiva di imputati dei delitti attribuiti al MdF!).

Ora, ci sono 3 ipotesi possibili:

GL è mitomane (ma nessuno, credo, lo ha mai sostenuto; e coinvolgerebbe nella sua mitomania altri testimoni, in una sorta di processo alle streghe di Salem);

GL inventa per suo tornaconto (ma ne esce con una condanna a 26 anni di galera);

GL dice la verità (ma molti elementi sono dubbi, non coincidono ecc).

Nessuna delle ipotesi è pienamente soddisfacente.

Quarta ipotesi, di Antonio Segnini: Lotti è il MdF, da solo.

1 commento:

  1. Come hai ben specificato in altro post, Lotti non esiste se non esiste Pacciani e Pacciani non esiste, fosse solo perché il delitto dell'85 non è avvenuto la domenica, giorno a cui lo inchiodano TUTTE le testimonianze che lo vogliono sul posto, non solo quella di Lotti. Ma guarda che bella fortuna aver pescato a caso e aver beccato il mostro (Lotti e compagni) fra 700.000 abitanti del circondario di Firenze. Certo, a questo punto viene da domandarsi perché gli inquirenti non abbiano provato prima il colpo di fortuna pescando a caso sui registri dell'anagrafe.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio apparirà dopo essere stato approvato dal moderatore.