venerdì 18 luglio 2014

Viaggio 2014 (1)

Di ritorno dal consueto pellegrinaggio di studio sui luoghi del "Mostro di Firenze", ho riportato alcune informazioni e impressioni nuove, che condivido qui.
La prima, abbastanza marginale, riguarda le "Cascine di Lastra a Signa", sulla cui esistenza o meno si è discusso in altro luogo. Il dato è rilevante per la testimonianza fornita da Francesco Vinci, il quale, interrogato in tribunale nel processo del 1970 dai difensori di Stefano Mele, dichiarò:
"Non ho mai seguito la Locci quando costei era in compagnia di altri uomini. Mi trovai solo per caso a passare dalle Cascine di Lastra a Signa, quando si è verificato l'episodio che ho riferito circa gli atti compiuti sulla Barbara da un individuo che io conoscevo con il nome di Francesco.
Io mi avvicinai per ragionare un poco con quello individuo, meglio con il marito e la Locci per quanto era avvenuto (...)"
 Non avevo mai capito a quale luogo ci si potesse riferire con l'indicazione "Cascine di Lastra a Signa", finché girando per il paese non ho visto il cartello indicatore:


Richieste informazioni a un vigile intento a multare auto in divieto di sosta nel centro storico, mi ha chiarito che non esiste una "via delle Cascine", ma una "zona delle Cascine" alla quale si accede costeggiando il tracciato esterno delle mura percorrendo via del Prato. 
Infatti, dopo duecento metri circa, eccoci qua:

e qua; l'area è occupata da un parcheggio e un giardino pubblico:




E ritengo ben credibile che sia la stessa che fu teatro nel 1967-68 delle performance erotiche dell'ape regina. Si trova del resto a breve distanza, circa 500 metri, dall'abitazione della famiglia Mele – segnata sulla mappa con il numero 1, mentre il parcheggio delle Cascine è contrassegnato dal numero 2:

Il cartello non mente, le Cascine di Lastra a Signa esistono eccome.

1 commento:

  1. Beh....caro Frank...chapeau ! Sui sardi dai 3 piste a tutti . Sinceramente.....

    RispondiElimina

Il tuo messaggio apparirà dopo essere stato approvato dal moderatore.